Post più popolari

giovedì 22 giugno 2017

Nella valle dei sogni

Un piccolo cottage di campagna: in giardino, archi di rose accompagnano le lente passeggiate nella fresca brezza del mattino o nelle pigre ore dei pomeriggi d'estate. Tutto intorno, un lieto ronzio di api fa da controcanto all'allegro cinguettio degli uccellini  che tiene compagnia a chi, seduto alla frescura di un vecchio nocciolo, si perde tra le pagine di un libro o cerca di immortalare la bellezza di un fiore con i tocchi delicati del suo pennello. In salotto, una mano gentile ha già apparecchiato il tavolino per l'ora del tè: oggi la tazza in fine porcellana inglese ricorda la primavera con le sue delicate violette. Nell'aria il profumo di deliziosi scones appena sfornati e pronti ad essere farciti con clotted cream e marmellata di fragole, come vuole la tradizione British.



Una fiaba? Un sogno romantico creato dalla penna di una scrittrice vittoriana? No, in realtà per ritrovare questa delicata atmosfera, basta recarsi nella campagna di Formia, dove il mondo incantato di Quieta Radura e della Valle delle Rose ha avuto origine, grazie alla talentuosa creatività di una giovane artista e scrittrice: Clelia Canè, la Beatrix Potter contemporanea.
Sono entrata nel mondo di Clelia ormai diversi anni fa e ne sono rimasta incantata per la sua atmosfera romantica e per la bellezza che vi si respira. Un mondo gentile fatto di piccoli gesti garbati e dolci rituali che scandiscono le ore del giorno infondendo pace e serenità.

La carriera artistica di Clelia Canè nasce con la sua passione per il disegno che coltiva fin da piccolissima e che la porterà a diventare una eccellente illustratrice e pittrice naturalistica: i soggetti e le tinte delicate dei suoi acquerelli ricordano quelli di una delle sue muse ispiratrici Beatrix Potter. Il talento e la creatività di Clelia sfociano nella creazione di Quieta Radura, un piccolo bosco abitato da una comunità di topolini operosi che vivono a stretto contatto con la natura  e nel rispetto reciproco. Un mondo di fiaba che nasconde l'invito a cercare di essere davvero gentili e solidali come i topini del bosco ai quali Clelia dedica tre libri deliziosi: Gelo d'autunno a Quieta Radura, La sorpresa di Natale e Un tè nel bosco di Quieta Radura.


A partire dal 2012 inizia l'attività della scuola d'arte La Bottega del Pruno Selvatico con workshop creativi per gradi e piccini che sfociano nelle lezioni private di scrittura creativa e acquerello botanico che anch'io sto seguendo da un paio d'anni, anche se, a causa del mio poco tempo, non sono un'allieva molto diligente.
Dalla volontà di dare realmente vita al mondo delicato della Valle delle Rose: "la più antica e magica valle del bosco di Quieta Radura",  da poco tempo Clelia ha avviato un'attività di vendita online di romantiche porcellane inglesi, libri e oggetti vintage, tutti scelti secondo il gusto tipicamente britannico di questa giovane e talentuosa sognatrice.


La capacità di credere nei propri sogni e di impegnarsi ogni giorno per realizzarli è un dono, secondo me. Quante persone vivono tristemente, ancorate ad una realtà che non piace, limitandosi a  lamentarsene senza mai provare ad alzare la testa per  guardare al di là del quotidiano per progettare, ideare, sognare e magari tentare  di cambiare ciò che si può. Sognare non costa nulla e non è proibito....certo non tutti i sogni si potranno realizzare, ma perchè non provarci? E allora forza, cara Clelia "never stop dreaming....." e vedrai che nella tua valle fioriranno tantissime rose profumate!

Per chi volesse conoscere meglio il delicato mondo di Clelia Canè:
http://www.cleliacane.com/valledellerose/

2 commenti:

  1. Brava Sabry! bell'articolo su Clelia

    RispondiElimina
  2. Grazie Vale! Presto anche su http://ourrosecottagegarden.blogspot.com ;)

    RispondiElimina