Passa ai contenuti principali

Se le rose diventano arte....




                                             Le opere di Michelle Endserby in mostra
                                    (immagine tratta www.michelleendersbyart.com)

Certi incontri accadono per caso soprattutto quelli virtuali: è uno dei pregi dei social che consentono di coltivare le proprie passioni comunicando con chi le condivide, anche se migliaia di chilometri ci separano. Essendo un’amante delle rose e del giardinaggio, frequento diverse pagine Facebook o Instagram dedicate. Tra queste seguo con interesse (e per deliziarmi gli occhi) il gruppo David Austin Roses Lovers dove ho avuto il piacere di conoscere un’artista australiana che mi ha molto colpita sia per la bellezza delle sue opere che per la sua storia …..

You often meet people by chance, especially on social media where you can feed your passions by communicating with friends who share them, even if they live thousands of kilometers away.
I follow a lot of Facebook or Instagram pages dedicated to roses and gardening. Among these, one of my favourite is David Austin Roses Lovers where I’ve come across a wonderful Australian artist who impressed me both for the beauty of her works and for her story ….

Rose, rose e ancora rose nel mondo di Michelle: rose da coltivare in giardino, da ammirare nei roseti, da fotografare e da dipingere. Al di là della bellezza, ciò che colpisce nelle opere di questa artista è la scelta di supporti rotondi. Non è solo un vezzo estetico, ma una scelta che rimanda alla simbologia del cerchio: ciclo che si ripete, perfezione della rinascita, eterno ritorno: vita! Il legame tra arte e vita per Michelle ha un significato profondo: “La mia passione creativa ai tempi della scuola erano i tessuti, poi la pittura ha avuto la meglio. Inizialmente dipingevo diversi soggetti: paesaggi, nature morte e fiori. Ma il mio vero viaggio da artista è iniziato dopo il risveglio  da un’operazione al cervello. Tornando alla vita, ho avuto la visione di un meraviglioso giardino di rose. Da allora ho capito che avrei dovuto dedicare a questo fiore il mio lavoro per condividerlo con il mondo; questa visione mi ha aiutata a rimettermi velocemente dall’intervento e da allora dipingo rose” (foto tratta da www.michelleendersbyart.com)

Roses, roses and roses in Michelle’s world: roses to be grown, to be admired in rose gardens, to be photographed and to be painted. But beyond beauty, what is really interesting in Michelle’s work is the choice of round canvases: the circle is the symbol of an eternal return, of rebirth, of a perpetually repeating cycle: life! Art and roses are life! This bond between life and art has a deep meaning for Michelle:
“Textiles was my creative passion from my school days until about six years ago when painting took over.  I initially painted many subjects including landscapes, still life and flowers.  But my true journey as an artist was inspired by a vision of a beautiful light-filled rose garden I experienced on awakening from a coma following emergency brain surgery.  I knew that I must paint roses and share them with the world.  This vision hastened my recovery and I have been painting   roses ever since”. 

Rose come ispirazione e come terapia da tenere sempre a portata di mano. Oltre a dipingerle, infatti Michelle ha una collezione di rose che coltiva nel suo giardino in Australia: 21 rosai tra i quali tre di David Austin, le rampianti antiche Albertine e Jeanne la Joie, alcune rugose e varie altre rose floribunde moderne.


                         
                                                           Albertine (foto tratta dal web) 


Roses can inspire and heal you, so you need to keep them close at hand! In her Australian garden Michelle has 21 roses: three by David Austin, two ancient climbers: Albertine and Jeanne la Joie and many floribunda bushes.

Nel 2015 I suoi lavori sono stati messi in mostra a New York, riscuotendo un grande e meritato successo: i  sogni si realizzano se li si riveste di rose!

In 2015 Michelle’s paintings were displayed in New York and it was a great and well deserved success!

Ringrazio Michelle Endserby per la disponibilità e per avere condiviso con me il suo percorso. Se volete conoscerla meglio visitate il sito:www.michelleendersbyart.com

Thank you Michelle for your kindness in sharing your world with me.
If you want to know more about this artist of roses: www.michelleendersbyart.com




Due lavori di Michelle nella mia piattaia

Commenti

  1. Thank you Sabrina for your lovely article about my art. And I am so pleased that our paths have crossed because of the roses!

    RispondiElimina
  2. Hi Michelle!
    Thanks for leaving this comment. Sorry, I've just read it. I follow your art and carreer with great interest!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nella valle dei sogni

Un piccolo cottage di campagna: in giardino, archi di rose accompagnano le lente passeggiate nella fresca brezza del mattino o nelle pigre ore dei pomeriggi d'estate. Tutto intorno, un lieto ronzio di api fa da controcanto all'allegro cinguettio degli uccellini  che tiene compagnia a chi, seduto alla frescura di un vecchio nocciolo, si perde tra le pagine di un libro o cerca di immortalare la bellezza di un fiore con i tocchi delicati del suo pennello. In salotto, una mano gentile ha già apparecchiato il tavolino per l'ora del tè: oggi la tazza in fine porcellana inglese ricorda la primavera con le sue delicate violette. Nell'aria il profumo di deliziosi scones appena sfornati e pronti ad essere farciti con clotted cream e marmellata di fragole, come vuole la tradizione British.



Una fiaba? Un sogno romantico creato dalla penna di una scrittrice vittoriana? No, in realtà per ritrovare questa delicata atmosfera, basta recarsi nella campagna di Formia, dove il mondo incan…

Roseto San Bellino

Da qualche anno seguo la pagina Facebook del Roseto San Bellino che si trova in provincia di Rovigo. Tra un commento e l'altro, ho iniziato a comunicare anche in privato con Orietta,  curatrice di questo bellissimo giardino privato che apre le porte ai visitatori nel mese di maggio.
L'inverno scorso, Orietta mi ha invitata a visitare il roseto, così ho convinto mio marito a progettare una vacanza di tarda primavera in Veneto.

L'accoglienza che questa splendida famigia ci ha riservato è stata davvero unica: il roseto aperto solo per noi e il calore di una ospitalità sincera.

Arrivando a San Bellino, piccolo paese della pianura padana, si percorrono stradine dritte. fiancheggiate da villini anomimi e, apparentemente, tutti uguali....a un certo punto l'esplosione: un tripudio di rose e colore ci fa capire di essere arrivati al roseto!
Orietta, Mauro e il dolcissimo Luca ci stanno aspettando sorridenti, come se ci conoscessero da sempre. L'entusiamo è reciproco, entria…

Quando la natura si fa arte

Vi è mai capitato di trascorrere un pomeriggio immergendovi talmente tanto nella bellezza delle ore da rimanere quasi sospesi nel tempo? A me succede ogni volta che incontro una persona speciale, e devo dire che, grazie a Dio e alle mie amiche, ne ho conosciute parecchie ormai. Ieri, per me, il tempo si è fermato nel momento in cui ho ho varcato la soglia della bellissima casa di Carla Bruni Ravetti: acquarellista e maestra d'arte dai modi gentili e raffinati, che ha accompagnato me e le mie amiche Carla e Roberta in un viaggio fatto di aneddoti, ricordi, suggerimenti tecnici e bellissime immagini che hanno fatto scivolare via le ore come in un batter d'ali di quel perfetto pettirosso che fa bella mostra di sè sulla parete del salotto. 


Ad ogni angolo stupende creazioni botaniche talmente perfette da sembrare fotografie. Ascoltando Carla raccontare di quelle camelie dipinte con un gruppo di amiche a Villa Pallavicini o di quando fu ospitata per tre giorni in una splendida vill…