Passa ai contenuti principali

Pergolato o giardino d'inverno?

In estate il confine tra casa e giardino viene, in un certo senso, annullato grazie ai terrazzi e ai pergolati dove si spostano alcune delle attività normalmente svolte all'interno.
Io ho la fortuna di avere un piccolo spazio coperto da un pergolato in legno dove trascorro molto tempo, anche perchè è in una posizione piuttosto ventilata e quindi piacevole anche se c'è il sole caldo di luglio.

 
Il mio pergolato


Nel Regno Unito e nella maggior parte dei paesi nordici, dove il clima risulta essere più rigido anche in estate, invece delle pergole i cottage e le ville hanno i così detti "giardini d'inverno" o "conservatories".
Chi non vorrebbe avere la possibilità di costruire una veranda da sogno come quelle nelle foto che ho selezionato? Un vano in più per potersi sentire in giardino anche in un giorno di pioggia o nella brutta stagione, quando i vetri che lo costituiscono quasi interamente riflettono il tepore del sole riscaldando l'ambiente.



  Un vano da arredare a seconda del proprio gusto, per renderlo bello e confortevole. 
Queste verande sono nate addirittura in epoca elisabettiana (XVI sec.) come serre nelle quali coltivare gli agrumi provenienti dal Mediterraneo, inizialmente furono infatti chiamate "orangeries". 



Le scoperte botaniche dei "cacciatori di piante" che si avventurarono nei paesi esotici in cerca di verietà rare che potessero arricchire i giardini dei ricchi mecenati che finanziavano le loro spedizioni o ampliare le conoscenze botaniche uropee, trasformarono le "orangeries" in serre ("greenhouse") che nel XIX secolo furono costruite sfuttando i nuovi materiali edili (ferro e acciaio) e le tecniche di riscaldamento più innovative.




In epoca vittoriana il "giardino d'inverno" cominciò a trovare anche un uso domestico, trasformandosi in un salotto  per il relax o per il ricevimento degli ospiti all'ora del tè.
Interessante notare come, nel corso del secondo conflitto mondiale, si registrò una battuta d'arresto nella costruzione di queste strutture a causa dell'uso bellico dei materiali di cui erano costitutite.

                                      


Non trovate anche voi meravigliosi questi salotti che si protendono verso il giardino eliminando il confine fisico che lo separa dalla casa?

Le immagini sono tratte dai siti:
www.angliahome.co.uk
www.qcconservatories.co.uk
www.valigardenhouses.co.uk
Date uno sguardo se volete sognare con me....

 💛💚💙


Conservatories have a long and interesting history. The were first built in the Elizabethan age to grow citrus fuits, indeed they were also called "Orangeries". Later on they were turned into greenhouses to recover the new exotic plants chased, discovered and brought to Europe by the "plant hunters" who enlarged private collections and contributed to widen the Europeans' botanic knowledge.
In the XIX century, thanks to the new building materials and heating systems brought about by the Industrial Revolution, new and bigger structures were built (one of the most stunning is the greenhouse at Kew Gardens). At the time almost every cottage or mansion had its own greenhouse or conservatory. In the Victorian age, conservatories became living rooms where families could host tea parties or simply  enjoy their free time together.. During World War II, the need for iron and glass stopped the construction of conservatories.
Today, we can easily state that a conservatory is one of the most popular features of British gardens as it perfectly achieves the fusion between house and garden advocated by the "cottage garden revolution" prophets such as Miss Gertrude Jekyll.
Due to climate reasons, in Italy we don't have many conservatories, even if they're becoming more and more fashionable. What you'll most probably find in our gardens are pergolas that will protect us from the powerful Mediterranean sun. 

Commenti

  1. adoro i cosiddetti " giardini d'inverno"...sono un sogno!!!!! Un abbraccio lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero! Sai che bello poter stare lì con un bel tè e un libro mentre fuori nevica o piove? Grazie per il tuo commento ☺

      Elimina
    2. È vero! Sai che bello poter stare lì con un bel tè e un libro mentre fuori nevica o piove? Grazie per il tuo commento ☺

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nella valle dei sogni

Un piccolo cottage di campagna: in giardino, archi di rose accompagnano le lente passeggiate nella fresca brezza del mattino o nelle pigre ore dei pomeriggi d'estate. Tutto intorno, un lieto ronzio di api fa da controcanto all'allegro cinguettio degli uccellini  che tiene compagnia a chi, seduto alla frescura di un vecchio nocciolo, si perde tra le pagine di un libro o cerca di immortalare la bellezza di un fiore con i tocchi delicati del suo pennello. In salotto, una mano gentile ha già apparecchiato il tavolino per l'ora del tè: oggi la tazza in fine porcellana inglese ricorda la primavera con le sue delicate violette. Nell'aria il profumo di deliziosi scones appena sfornati e pronti ad essere farciti con clotted cream e marmellata di fragole, come vuole la tradizione British.



Una fiaba? Un sogno romantico creato dalla penna di una scrittrice vittoriana? No, in realtà per ritrovare questa delicata atmosfera, basta recarsi nella campagna di Formia, dove il mondo incan…

Roseto San Bellino

Da qualche anno seguo la pagina Facebook del Roseto San Bellino che si trova in provincia di Rovigo. Tra un commento e l'altro, ho iniziato a comunicare anche in privato con Orietta,  curatrice di questo bellissimo giardino privato che apre le porte ai visitatori nel mese di maggio.
L'inverno scorso, Orietta mi ha invitata a visitare il roseto, così ho convinto mio marito a progettare una vacanza di tarda primavera in Veneto.

L'accoglienza che questa splendida famigia ci ha riservato è stata davvero unica: il roseto aperto solo per noi e il calore di una ospitalità sincera.

Arrivando a San Bellino, piccolo paese della pianura padana, si percorrono stradine dritte. fiancheggiate da villini anomimi e, apparentemente, tutti uguali....a un certo punto l'esplosione: un tripudio di rose e colore ci fa capire di essere arrivati al roseto!
Orietta, Mauro e il dolcissimo Luca ci stanno aspettando sorridenti, come se ci conoscessero da sempre. L'entusiamo è reciproco, entria…

Quando la natura si fa arte

Vi è mai capitato di trascorrere un pomeriggio immergendovi talmente tanto nella bellezza delle ore da rimanere quasi sospesi nel tempo? A me succede ogni volta che incontro una persona speciale, e devo dire che, grazie a Dio e alle mie amiche, ne ho conosciute parecchie ormai. Ieri, per me, il tempo si è fermato nel momento in cui ho ho varcato la soglia della bellissima casa di Carla Bruni Ravetti: acquarellista e maestra d'arte dai modi gentili e raffinati, che ha accompagnato me e le mie amiche Carla e Roberta in un viaggio fatto di aneddoti, ricordi, suggerimenti tecnici e bellissime immagini che hanno fatto scivolare via le ore come in un batter d'ali di quel perfetto pettirosso che fa bella mostra di sè sulla parete del salotto. 


Ad ogni angolo stupende creazioni botaniche talmente perfette da sembrare fotografie. Ascoltando Carla raccontare di quelle camelie dipinte con un gruppo di amiche a Villa Pallavicini o di quando fu ospitata per tre giorni in una splendida vill…