Tempo di potature- time to prune roses


Oggi a Genova è una giornata veramente uggiosa, peccato perché avevo in programma una prima ondata di potature delle mie rose.
Pierre de Ronsard

In inverno, il giardino dorme. Tutto sembra essere sospeso in una lunga attesa che a fine aprile sarà ricompensata da un'esplosione di colore. Eppure, è proprio in inverno che il giardiniere deve compiere alcune operazioni fondamentali per avere uno splendido roseto. Una di queste è, appunto, la potatura che ha lo scopo, non solo di contenere la pianta e darle un aspetto armonico, ma anche di rinforzarla, eliminando i rami secchi, quelli deboli o troppo vecchi che continuano ad assorbire i nutrienti togliendo vigore alla pianta.
Perle, Meilland e sullo sfondo Claire Austin, Rosa Mystica e La Reine Victoria

Il periodo migliore per potare va da fine a gennaio a febbraio.
Prima di recidere la porzione di ramo (lasciando la pianta ad un'altezza di 25/30 cm) osservatelo bene. Bisogna individuare le gemme, cioè i punti da cui partiranno i getti e lasciarne almeno 4 o 5.
Usare cesoie ben affilate e recidere il ramo in senso obliquo 6/8 mm sopra una gemma rivolta verso l'esterno. Ciò eviterà la crescita di rami verso l'interno della pianta. Il taglio obliquo, come nel caso delle talee, serve a lasciare scorrere l'acqua verso il lato opposto al germoglio.
Attenzione, se la pianta è giovane, per i primi anni evitate tagli drastici (lo dico per esperienza). E' sempre meglio consultare libri specializzati o siti internet che nelle schede tecniche su ogni varietà, vi indicano se e quanto spesso potare.
Un discorso a parte, naturalmente, va fatto per le rampicanti o sarmentose. In quel caso, naturalmente, si procede solo a sfoltire ed eliminare i rami secchi.
  Cecile Brunner
  Leonardo da Vinci, sullo sfondo Teasing Georgia e Boule de Neige
Leonardo da Vinci
(foto potatura tratte dal web)

💛💚💙💜
The garden is sleeping, but it's the right time to start one of the most difficult garden duties: rose pruning.
It takes a lot of practice to avoid aesthetic damage to your rose garden because what you're about to do will decide the form of your rosebushes, so the first thing that you need to do is looking! Look carefully at your bush and try to figure out its future form. You have to leave at least 5 buds, and look for those that will develop out of the plant, in order to avoid an interwaving of branches. Cut slantwise in the opposite direction to the bud. Remove all old or week branches that would consume uselessly the nutrients of the plant. Avoid a drastic pruning of young plants and before cutting, look for information about your own rosebuds, because not all the plants have to be pruned the same height.
Climbers or ramblers only need to be unburdened of old branches of course.

Commenti

Post popolari in questo blog

La piccola casa nella prateria - The little house on the prairie

Fiorellini di un mondo fatato! Tiny flowers from a fairy world!

Una "garden blogger" a cavallo tra due epoche- Gertrude Jekyll, a Victorian "garden blogger"