Passa ai contenuti principali

I frutti del sole


Recentemente ho avuto la possibilità di studiare il mondo degli agrumi: ho aperto un vaso di Pandora dal quale sono uscite e continuano a uscire meraviglie. Così ho deciso di dedicare una serie di post a questi frutti del sole che regnano sulla tavola invernale e che crescono con vigore nel grande orto-giardino che è la Liguria.

Recently I've done research about Citrus Fruits: discovering a world full of  endless wonders, so I've decided to write a few posts about the "Fruits of the sun" that enrich our winter tables and that grow so well also in Liguria: the garden-orchard of Italy.




 Gli agrumi fanno parte del genere Citrus, appartenente alla famiglia delle Rutacee. Sono originari dell'India e dell'Estremo Oriente, ma oggi crescono spontaneamente anche in Indonesia, Malesia, Nuova Guinea e nelle Filippine.
Le varietà dal cui incrocio hanno avuto origine tutte le altre sono il pomelo, il mandarino e il cedro, ben noto  ai Romani come pomo di Persia, che pare sia stato il primo agrume a raggiungere l’Europa.
È documentato che i Romani nel I secolo conoscevano anche il limone e l'arancio amaro, ma la loro coltivazione è stata introdotta nel Mediterraneo solo nel X secolo dai Saraceni. La coltivazione dell'arancio dolce invece è stata introdotta dai Portoghesi nel secolo XVI, mentre risale addirittura al secolo XIX l'acquisizione del mandarino. Oggi gli agrumi sono largamente coltivati nella fascia subtropicale di tutto il mondo. Oltre che in Asia e nel Mediterraneo. 



Citrus Fruits belong to the genus Citrus of the Rutaceae Family. They come from India and the Far East, but today they also grow spontaneously in Indonesia, Malesia, New Guinea and the Philippines.
The three original fruits are considered to be the pomelo, the tangerine and the cedar, already known to the Romans who called it “The fruit of Persia” and which probably was the first citrus fruit imported to Europe.
By the 1st century, the Romans also knew lemons and bitter oranges, even though their cultivation on the Mediterranean coasts started in the 10th century. Sweet oranges were introduced by the Portuguese in the XVI century and the tangerine arrived to Eutope only in the XIX century.
Today Cirtus Fruits are grown almost everywhere from the USA to Asia, from the Mediterranean to Oceania.
 

Pomelo (Citrus maxima)  nativo del sud dell'Asia e della Malesia dove è 

conosciuto da più di quattromila anni. Fu introdotto in Cina attorno al 100 

d.C., e ancora oggi è coltivato nelle regioni meridionali e in Tailandia. È il più 

grande tra i frutti dei Citrus e  può arrivare a pesare fino a 10 kg.

Il pomelo ha un apporto calorico di circa 30-40 Kcal per 100g, ha un elevato

 contenuto di vitamina C con un buon contenuto di vitamina A e tracce di B1,

 B2, B3 e B6[. La vitamina C nel Pomelo aiuta l'assimilazione e l'assorbimento 

del ferro. Tra i sali minerali spicca il potassio. Contiene inoltre acido folico e

 betacarotene. In Asia le foglie di pomelo vengono usate come decotto curativo

 per l'ulcera e le ferite. Devo ammettere onestamente che ignoravo l’esistenza di

 questo prezioso alleato per la nostra salute. L’ho trovato per caso in un 

supermercato e l’ho trovato delizioso: molto simile al pompelmo, ma dolcissimo. 


Provatelo!


Pomeloes have been known in Asia and Malesia for more than 4.000 years. They were introduced in China around 100 A.C. and it is still grown in the  southern regions and in Thailand. It’s the largest fruit of this genus and it can weigh up to 10 kilos. It’s very rich in C vitamin that helps the  assimilation of iron. It’s also got a lot of folic acid , potassium and minerals. In Asia its
leaves are used to heal ulcer. I must admit that I really ignored the existence of this precious fruit. I’ve unexpectedly found it in a local market and I found it really  delicious: very similar to the taste of grapefruit, but sweeter! Try it!


Cedro (Citrus medica) Originario dell’Asia sudorientale, è conosciuto in Europa fin dai tempi antichissimi.  Il nome, derivato dal latinocitrus, coincide con la traduzione di cedrus, nome dato alla conifera (i famosi cedri del libano che fornirono il legno per tante imbarcazioni nel mondo antico). Il frutto è grande 20–30 cm, giallino, ovale o quasi rotondo, talvolta con una leggera protuberanza al peduncolo e un po' appuntito dalla parte opposta. La buccia, molto ruvida e spessa, costituisce fino al 70% del frutto. In Italia oggi è coltivato soprattutto in Calabria.
Il cedro viene impiegato per la preparazione di bibite analcoliche e frutta candita, ma principalmente viene usato nell'industria farmaceutica per la produzione di olio essenziale. L'essenza ricavata dal cedro è però facilmente deteriorabile, per cui solitamente si usa corretta con l'essenza di cedrina, una varietà usata esclusivamente per la produzione dell'essenza. Dalla cedrina si estrae un olio essenziale con forte odore di cedro che rimane limpida. È dunque un eccellente sostituto, tanto che vari agronomi propendono per l’ abbandono delle coltivazioni del cedro a favore di quelle della cedrina.



Ceddar: native to south-east Asia, it’s been Known in Europe for centuries. It’s name comes from the Latin “Citrus” and it’s the same as the translation for “cedrus”, the conifer native form Lebanon which was used to build ships in ancient times. The fruit is 20-30 cm big, almost round. It’s got a rough, thick skin. In Italy it’s grown especially in Calabria. It’s used to make drinks,  candied fruit or mustard. It’s essential oil is largely used in the pharmaceutical industry, even though today industries prefer to use lemon verbena because its scent lasts longer.

Mandarino (Citrus reticula)
Il mandarino è un arbusto poco più alto di due metri, in alcune varietà fino a quattro metri. I fiori sono piccoli, bianchi, profumati e singoli. Le foglie sono piccole e profumatissime. Il frutto dolce, succoso e pieno di semini è un classico della tavola di Natale, almeno in casa mia.
I mandarini sono normalmente consumati come frutta fresca o lavorati nella produzione di marmellate e frutta candita. Dalla buccia si estrae un olio essenziale che è un liquido di colore giallo oro leggermente fluorescente, per godere a pieno del suo profumo, è sufficiente mettere le bucce sul termosifone o su una stufa: la casa si riempirà di quell’odore così tipicamente invernale!


Tangerine: it’s a 2 m high tree. Its’ flowers are small and very scented. The leaves have got an intense scent too. The sweet juicy fruit full of seeds is a classic guest on the Christmas table, mine at least!
Tangerines are normally used as fresh fruit or used to produce jam or candied fruit. Tangerine mustard, with its intense taste, is consumed with boiled meat in Piedmont, but not only. You’ll be able to smell the intense fragrance of its essential oil if you put the skin on a radiator or a stove: your home will be filled with a warm perfume so typical of Christmas time!
  
Le immagini sono reative all'evento "Dolce Trasta, agrumi e cioccolato in tazza" organizzato dal comitato culturale Quellicheatrastacistannobene di cui faccio parte.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nella valle dei sogni

Un piccolo cottage di campagna: in giardino, archi di rose accompagnano le lente passeggiate nella fresca brezza del mattino o nelle pigre ore dei pomeriggi d'estate. Tutto intorno, un lieto ronzio di api fa da controcanto all'allegro cinguettio degli uccellini  che tiene compagnia a chi, seduto alla frescura di un vecchio nocciolo, si perde tra le pagine di un libro o cerca di immortalare la bellezza di un fiore con i tocchi delicati del suo pennello. In salotto, una mano gentile ha già apparecchiato il tavolino per l'ora del tè: oggi la tazza in fine porcellana inglese ricorda la primavera con le sue delicate violette. Nell'aria il profumo di deliziosi scones appena sfornati e pronti ad essere farciti con clotted cream e marmellata di fragole, come vuole la tradizione British.



Una fiaba? Un sogno romantico creato dalla penna di una scrittrice vittoriana? No, in realtà per ritrovare questa delicata atmosfera, basta recarsi nella campagna di Formia, dove il mondo incan…

Roseto San Bellino

Da qualche anno seguo la pagina Facebook del Roseto San Bellino che si trova in provincia di Rovigo. Tra un commento e l'altro, ho iniziato a comunicare anche in privato con Orietta,  curatrice di questo bellissimo giardino privato che apre le porte ai visitatori nel mese di maggio.
L'inverno scorso, Orietta mi ha invitata a visitare il roseto, così ho convinto mio marito a progettare una vacanza di tarda primavera in Veneto.

L'accoglienza che questa splendida famigia ci ha riservato è stata davvero unica: il roseto aperto solo per noi e il calore di una ospitalità sincera.

Arrivando a San Bellino, piccolo paese della pianura padana, si percorrono stradine dritte. fiancheggiate da villini anomimi e, apparentemente, tutti uguali....a un certo punto l'esplosione: un tripudio di rose e colore ci fa capire di essere arrivati al roseto!
Orietta, Mauro e il dolcissimo Luca ci stanno aspettando sorridenti, come se ci conoscessero da sempre. L'entusiamo è reciproco, entria…

Quando la natura si fa arte

Vi è mai capitato di trascorrere un pomeriggio immergendovi talmente tanto nella bellezza delle ore da rimanere quasi sospesi nel tempo? A me succede ogni volta che incontro una persona speciale, e devo dire che, grazie a Dio e alle mie amiche, ne ho conosciute parecchie ormai. Ieri, per me, il tempo si è fermato nel momento in cui ho ho varcato la soglia della bellissima casa di Carla Bruni Ravetti: acquarellista e maestra d'arte dai modi gentili e raffinati, che ha accompagnato me e le mie amiche Carla e Roberta in un viaggio fatto di aneddoti, ricordi, suggerimenti tecnici e bellissime immagini che hanno fatto scivolare via le ore come in un batter d'ali di quel perfetto pettirosso che fa bella mostra di sè sulla parete del salotto. 


Ad ogni angolo stupende creazioni botaniche talmente perfette da sembrare fotografie. Ascoltando Carla raccontare di quelle camelie dipinte con un gruppo di amiche a Villa Pallavicini o di quando fu ospitata per tre giorni in una splendida vill…