Post

Ciambella alle noci - Walnut cake

Immagine
Ultimamente questo mio diario di campagna è sempre più spesso ambientato in cucina. Il giardino è stato un po' abbandonato a causa del tempo e per dare sfogo alla mia creatività, non potendo concentrarmi sulle piante, mi sfogo sfornando dolcetti per l'ora del tè. Anche oggi ho utilizzato la mia pentola fornetto che mi sta dando tante soddisfazioni. Quali sono i vantaggi di questo tipo di cottura? Prima di tutto ci fa apprezzare la lentezza dell'attesa ancora più del forno, riempie la casa di profumo e, cosa che non guasta, non consuma elettricità (per chi ha il forno elettrico come me). L'ingrediente proposto per la ig challenge #incucinacolfornetto di questa settimana era la frutta secca e io ho deciso di preparare questa torta alle noci:
Ingredienti 130 gr di noci 120 gr di farina 00 100 gr di zucchero 100 gr di burro 1 bustina di lievito per dolci 2 uova
Tritare le noci, lasciando qualche pezzo di gheriglio un po' più grosso. Montare il burro con lo zucchero fi…

Sapori di stagione: torta di ricotta e pere - Seasonal flavours: Ricotta cake with pears

Immagine
Una torta facile e deliziosa per questo mercoledì di novembre da sfornare con la pentola fornetto, ma non solo. Le pere sono il tocco finale per decorare questa morbida delizia di stagione, ma se volete le potete aggiungere anche all'interno per arrichire il sapore. 

A dire il vero, le pere non sono il mio frutto preferito da usare per le torte, ebbene sì, sono una fanatica della torta di mele, in tutte le sue declinazioni, in realtà. In questo caso, però, trovo che la morbidezza della ricotta e il retrogusto di limone si sposino perfettamente con la dolcezza e la consistenza un po' granulosa della pera. Se dovessi suggerire un tè da abbinare a questo dolce, vi porporrei un corposo tè nero Keemun, per attenuare la dolcezza della torta.
Ingredienti:
250 g di ricotta
250 g di zucchero
3 uova
250 g di farina 00
20 g di burro morbido
una bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
buccia di un limone gratuggiata
latte q.b.
1 pera

Montare le uova con lo zucchero e aggiungere la…

Soul cakes, i dolci delle anime

Immagine
Le ricorrenze dei santi e dei  morti sono alle porte e quest'anno, mi sono ricordata di organizzarmi per tempo in modo da proporre un dolce molto antico e tipico della tradizione britannica per questa occasione: le soul cakes.
A differenza di quello che il nome può suggerire, non si tratta di torte, ma di biscotti che anticamente i bambini andavano chiedendo di casa in casa in cambio di preghiere per le anime dei defunti. Da lì, probabilmete il "dolcetto o scherzetto" che domani sera milioni di bambini nel mondo andranno recitando mascherati da fantasmi e streghe. A me Halloween piace molto, nonstante le polemiche che si porta sempre dietro. Ormai i bambini sono grandi e non hanno più voglia di mascherarsi o fare feste. Una cosa ci piace fare, però: guardarci un bel film di paura (ma non troppo) tutti insieme. Domani sera lo faremo gustandoci questi deliziosi biscotti. Ecco la ricetta:
400 gr di farina Manitoba 3 tuorli 175 gr di burro  170 gr di zucchero di canna 100 g…

Tutti pazzi per la pentola fornetto - baking with my brand new baking pot!

Immagine
Mi piace cucinare, soprattutto mi piace infornare e sfornare dolci per l'ora del tè che è una delle mie passioni.
Adoro il profumo di dolce che invade la casa man mano che la torta o i biscotti cuociono nel forno. Io ho un forno elettrico che in autunno e inverno accendo almeno una volta a settimana. Ultimamente, però, è nato un nuovo amore che condivido con molte altre persone su IG: la pentola fornetto o Fornetto Versilia. Non è certo una nuova invenzione, anzi è una delle forme più antiche per cuocere al forno. Le nostre bisnonne, nelle loro cucine di campagna, sfornavano le loro delizie mettendo sulla stufa una pentola molto simile. Sapore d'antan che amo dunque e che aggiunge significato e valore alla scelta di acquistare e provare il fornetto. All'inizio, devo ammettere che ero preoccupata soprattutto per la cottura, temevo di carbonizzare il tutto. Ho scoperto invece che i segreto per avere successo con il fornetto sono due: fuoco basso (sempre usare lo spargifiamm…

Pillole per una vita più intenzionale - living intentionally, step by step

Immagine
L'autunno è la stagione della ripresa di una routine che, alle volte, lascia poco tempo per sè. In questi ultimi mesi, nonstante gli impegni pressanti del quotidiano, ho cercato di ritagliarmi momenti di lentezza per non lasciarmi travolgere dal fiume in piena che è la vita. 
Ci avete mai pensato? Ogni giorno, arriviamo a sera distrutti dalla stanchezza e ci rendiamo conto che le ore che abbiamo trascorso ci sono scivolate addosso,  sono fuggite via tra un impegno e l'altro e noi, spettatori attoniti ci siamo lasciati trasportare dalla corrente. E se invece provassimo a riprendere in mano il nostro quotidiano creandoci una vita vissuta più intenzionalmente? Da qualche tempo, ho preso l'abitudine di iniziare la giornata (svegliandomi alle 5:00, si intende) con una breve riflessione su tutti quei motivi di gratitudine che la vita ( o Dio per chi ci crede) mi dona. Cose semplici, a volte banali, ma che rendono ogni mio giorno unico e speciale. Questo esercizio di gratitudine…

Come essiccare le ortensie- how to dry hydrangeas flowers DIY

Immagine
Riprendo questo mio diario del giardino dopo una lunga pausa estiva che mi è servita non solo per riposarmi e ricaricare le batterie, ma anche per dare vita a nuovi progetti che coinvolgono direttamente anche questo blog. Sarà un lungo lavoro, ma sono fiduciosa che passo dopo passo, questo mio sogno possa diventare realtà. In giardino l'autunno si sta già facendo strada piano piano e uno dei lavori che possiamo fare in questo momento è essiccare le infiorescenze delle idrangee che si stanno già rivestendo dei colori caldi che tanto amiamo.  Ecco come ho fatto io stamattina, pochi passi semplici ed efficaci, garantiti da Laura di @gardenanswer.
Dopo un giro in giardino, ho scelto le infiorescenze di questa Hydrangea macrophilla di cui non conosco il nome, non solo per i bellissimi colori, ma anche per la particolare forma dei fiori stradoppi. A questo punto, ho tagliato i rami appena sopra ad una gemma, così: Dopo aver tolto le foglie, ho tagliato a metà il segmento inferiore in s…

Dio salvi il re...delle rose: David Austin, of course! - God bless the king of roses!

Immagine
Il mio roseto conta ormai una sessantina di esemplari, molti dei quali sono firmati David Austin. Un marchio che è certamente garanzia di bellezza e che ha fatto la storia delle rose moderne.  David Charles Henshaw Austin, nato nel 1926 nella contea dello Shropshire dove ha sede la casa madre della sua azienda, ha iniziato la sua carriera di ibridatore un po' per caso. Nato in una famiglia di appassionati di giardinaggio e di rose, ancora ragazzino decide di tentare l'avventura dell'ibridazione, l'incrocio di due piante per ottenere una nuova cultivar. Dopo anni di tentativi, nel 1961 riuscì ad immettere sul mercato la sua prima rosa dedicata ad una famosa stylist dei primi del '900, Constance Spry che fu subito accolta con grande entusiasmo. L'obiettivo che Austin si poneva era quello di creare nuove rose che unissero la forma e la fragranza delle varietà antiche con le caratteristiche dei ibridi di tè e delle floribunde, nelle cui vene scorre la linfa delle …